Tiro ad avancarica

Presso il nostro Poligono di può praticare anche il TIRO CON ARMI AD AVANCARICA.
Si tratta di una pratica sportiva che da qualche anno sta avendo molto successo in tutta Italia grazie alle ottime riproduzioni di armi d’epoca realizzate da alcune fabbriche   italiane che nel settore sono considerate le prime al mondo (Pedersoli, Uberti, Pietta, Chiappa).

 

Nei due stand da 25 metri, ove normalmente si allenano i tiratori con armi di grosso calibro, alcuni soci, già da tempo, sparano con armi ad AVANCARICA quali la pistola monocolpo Le Page, i revolver  a 6 colpi Remington 1858 New Model Army e Colt Navy 1851, i fucili monocolpo  Enfield cal. 58 e Kentucky.

Appena avremo un certo numeri d’iscritti a questa Sezione organizzeremo dei corsi di Tiro ad Avancarica per spiegare i metodi di caricamento delle varie armi e le tecniche di sparo utilizzate sino alla seconda metà del 1800.

Ecco alcuni appunti sull’AVANCARICA.
Si tratta di armi che si caricano dalla bocca della canna mettendo prima la polvere nera e poi una palla tonda di piombo; con una lunga bacchetta ,infine, si spinge tutto giù. Detto così sembrerebbe molto facile ma poi, nella realtà, si tratta di un’operazione delicata e molto pericolosa. Pericolosa perché nella fretta di rispondere al fuoco nemico, gli antichi “archibugieri” trascuravano alcune norme procedurali e di sicurezza facendo esplodere l’arma. Adesso che l’avancarica si pratica solo per il tiro e per la caccia (negli Stati Uniti chi va a caccia con fucili ad avancarica ha a disposizione due mesi di caccia in più dei cacciatori che usano fucili moderni!!) le repliche delle armi sono perfette nella riproduzione estetica e funzionale ma ultrasicure perché fabbricate con acciai moderni e molto resistenti.

Uno dei fucili ad avancarica più famosi è stato l’“Enfield 1853 cal. 58” più noto come “tre fascette” o come “Primo Modello”. Si trattava di un fucile lungo 1,4 metri, del peso di 3,4 chilogrammi e che poteva essere utilizzato su bersagli posti sino ad 800 metri.  Attualmente la sua replica è l’arma preferita dai tiratori per l’ottima precisione di tiro.
Per quanto riguarda le pistole per molto tempo dominò la francese “Le Page cal. 45”, monocolpo con canna da 260 mm. ad anima liscia. Ad essa seguirono i revolver, sempre ad avancarica,   con tamburo a sei camere che venivano caricate mettendo il revolver in verticale e riempiendo le camere con polvere nera e palle in piombo che venivano pigiate con un “calcatoio” posto sotto la canna.
Tutta la Guerra Civile Americana fu combattuta con questi revolver ed il modello più famoso è rimasto il “Remington 1858 New Model Army”.
L’attuale legge italiana prevede che i fucili e le pistole monocolpo ad Avancarica possano essere acquistate da chiunque (purchè maggiorenne) senza obbligo di denuncia alle competenti autorità e senza possedere il Porto d’arma.

 

VAI ALLA PHOTO GALLERY